Istituto Tecnico Commerciale per Geometri e per il Turismo



Descargar 1,84 Mb.
Página3/4
Fecha de conversión08.06.2017
Tamaño1,84 Mb.
1   2   3   4
  • Pour envoyer ceci:
  • Tapez ceci:
  • Pour envoyer ceci:
  • Tapez ceci:
  • Rose rouge
  • Appareil photo
  • Chat
  • Téléphone
  • Note de musique
  • Étoile
  • Horloge
  • Escargot
  • Assiette
  • Pizza
  • Voiture
  • Parapluie
  • Ordinateur
  • Pluie
  • Argent
  • (F) ou (f)
  • (P) ou (p)
  • (@)
  • (T) ou (t)
  • (8)
  • (*)
  • (O) ou (o)
  • (sn)
  • (pl)
  • (pi)
  • (au)
  • (um)
  • (co)
  • (st)
  • (mo)
  • Rire
  • Tire la langue
  • Triste
  • Déçu
  • Embarrassé
  • Fâché
  • Diablotin
  • Agressif
  • Sarcastique
  • Malade
  • Pensif
  • Yeux roulants
  • Tasse à café
  • Pousse baissé
  • Cocktail
  • :-D ou :d
  • :-P ou :p
  • :-( ou :(
  • :-| ou :|
  • :-$ ou :$
  • :-@ ou :@
  • (6)
  • 8o|
  • ^o)
  • +o(
  • *-)
  • 8-)
  • (C) ou (c)
  • (N) ou (n)
  • (D) ou (d)
  • Pour envoyer ceci:
  • Tapez ceci:
  • Pour envoyer ceci:
  • Tapez ceci:
  • Garçon
  • Accolade droite
  • Gâteau d'anniversaire
  • Cœur brisé
  • Cadeau
  • Rose flétrie
  • Pellicule
  • Chien
  • Ampoule
  • Lune
  • (Z) ou (z)
  • (})
  • (^)
  • (U) ou (u)
  • (G) ou (g)
  • (W) ou (w)
  • (~)
  • (&)
  • (I) ou (i)
  • (S)
  • Courrier électronique
  • Icône MSN Messenger
  • Mouton noir
  • Bol de riz
  • Ballon de foot
  • Avion
  • Île déserte
  • Téléphone portable
  • Orage
  • (E) ou (e)
  • (M) ou (m)
  • (bah)
  • (||)
  • (so)
  • (ap)
  • (ip)
  • (mp)
  • (li)
  • Per la lingua inglese con la professoressa Maria Luciani abbiamo approfondito alcuni segni e simboli del linguaggio letterario.
  • English has been a means of exploring the signs and symbols connected with the literary language, together with our teacher Maria Luciani
  • The necessity of a clear and complex communication caracterizes men and it shows itself with a great multiplicity of signs, semiologists have studied deeply for long time (semiology is the science that studies the signs).
  • Some signs are natural and have a logical –universal interpretation: if somebody looks sad and cries, reading a letter, it’s clear he’s suffering, while a face becoming suddenly red, expresses embarassment.
  • Other signals coming from people are artificial, when invented and codified by men: the words of a language, religious gestures, the way of dressing, the hands-shaking, greetings, etc. For example, mean different things for different cultures and ethnic groups.
  • It’s really interesting to observe them, because our body speaks and can express everything: with the gestures, expressions, the colours, the look, the breath, the distance from other bodies, it underlines, contradicts or clarifies the word or the situation. From the greetings, to the prayer, passing through the mime, the dance, the music, the various rituals and symbols, the bodies invent all the direct languages: the face alone has 47 muscles, and this means something!
  • Signs and symbols are all around us, in every sector and sphere, as you can see also in the subjects we’ve studied this school year’s project; focusing on the particular signs and symbols of the literary language poetry is the richest of them, as it needs to express feelings and thoughts in the shortest, most accurate and refined way; so poetry uses figures of speech .
  • While the the artificial signs correspond to different cultures, and vary in time and space, the natural ones are stable .
  • They are particular poetic devices used in writing a poem to produce an effect on the reader, and to refer to the meaning of a message, exploring all the possible combinations with unusual images. The commonest figures of speech which produce “special effects”on the reader, are: simile, metaphor, personification, metonymy, hyperbole, synecdoche, etc. These “ literary instruments” not only surprise the reader, but touch him in his depth, make him feel emotionally, make him dream and sweep far away.
  • We’ll examine here some English poems where the language, extraordinary and of very high level, is accompanied by the above mentioned literary figures .
  • The first 2 poems are by the American poet Emily Dickinson (1830-1886)
  • To make a prairie it takes a clover and one bee.
  • One clover,and a bee,and revery.
  • The revery alone will do
  • If bees are few.
  • Per fare un prato bastano un trifoglio e un’ape.
  • Un trifoglio a un’ape,
  • E un sogno. Il sogno da solo può bastare Se le api sono poche.
  • Here, non conventional figures refer perfectly to abstract concepts. Moreover, this poet uses images of nature as symbols of deep feelings ,ideas and experiences.
  • Water, is taught by thirst. L’acqua è insegnata dalla sete.
  • Land,by the Oceans passed. La terra, dagli oceani attraversati.
  • Transport,by throe, La gioia, dal dolore.
  • Peace,by its battles told, La pace, dai racconti di battaglia.
  • Love ,by Memorial Mold, L’amore, da un’impronta di memoria.
  • Birds, by the Snow. Gli uccelli, dalla neve.
  • The lyric of the song “Blowing in the wind” by Bob Dylan (the American folk singer already popular all over the world in the 60s) expresses the need of freedom and dignity,and condamn to war, with wonderful metaphors:
  • Blowing in the wind
  • Soffia nel vento
  • How many roads must a man walk down
  • Quante strade deve attraversare un uomo
  • Before you call him a man?
  • Prima che tu possa chiamarlo un uomo?
  • Yes,’n’ how many seas must a white dove sail
  • Sì, e quanti mari deve sorvolre una colomba bianca
  • Before she sleeps in the sand ?
  • Prima che possa dormire sulla sabbia?
  • Yes ‘n’how many times must the the cannon balls fly
  • Sì, e quante volte devono volare le palle di cannone
  • Before they’re forever banned?
  • Prima che siano vietate per sempre?
  • The answer, my friend, is blowing in the wind,
  • La risposta, amico mio, soffia nel vento,
  • The answer is blowing in the wind.
  • La risposta soffia nel vento.
  • The sonnet N° 18, by the greatest British playwright and poet William Shakespeare ( 1564-1616) ,is itself the widest tribute and symbol of poetry, the only source of eternity for the poet and also for the beloved lady.This poem opens with an exceptional verse in which the beauty of a woman is compared to a summer day :
  • Shall I compare you to a summer day?
  • Posso paragonarti ad un giorno d’estate?
  •  
  • You are more lovely and more temperate:
  • Tu sei più mite e più cara:
  •  
  • Rough winds do shake the darling buds of May,
  • Venti aspri scuotono I teneri boccioli di maggio,
  •  
  • And summer’s lease has all too short a date .
  • E l’estate ha scadenze troppo brevi.
  •  
  • Sometime too hot the eye of heaven shines,
  • A volte brilla troppo caldo l’occhio del cielo,
  •  
  • And often is his gold complexion dimmed;
  • e spesso si vela la sua pelle dorata;
  • And every fair from fair sometime declines,
  • a volte le cose belle diventano meno belle,
  • But chance or nature’s changing course untrimmed.
  • per caso o per natura mutevole.
  • But your eternal summer shall not fade ,
  • Ma la tua estate eterna non scolorirà,
  • Nor lose possession of that fair you owe;
  • né perderai la tua bellezza;
  • Nor shall Death brag you wanderest in his shade,
  • nè ti coprirà la morte con la sua ombra,
  • When in eternal lines to time you grow.
  • quando diventerai sempre più grande nei versi Eterni.
  • So long as men can breathe,or eyes can see,
  • Fino a quando gli uomini respireranno o occhi potranno vedere,
  • So long lives this,and this gives life to you.
  • fino a quando vivrà questa poesia,e fino a quando essa ti darà vita.
  • We’ve experimented that images of nature like these,symbols of eternal values and feelings of beauty,love,death and art can get fixed in our mind for ever
  • Siamo circondati da segni e simboli anche quando usciamo da casa pertanto con la nostra insegnante di diritto professoressa Fiorella Marcaccio abbiamo analizzato segnali particolari come quelli stradali.
  • TIPI DI SEGNALI
  • I segnali stradali sono lo strumento attraverso il quale viene diretta la circolazione dei veicoli e dei pedoni al fine di non creare ostacoli al regolare flusso di traffico e soprattutto di evitare incidenti.
  • Lungo le strade possiamo incontrare:
  • segnali verticali, che si trovano al margine della strada e generalmente sono piantati su pali; si dividono in segnali, di prescrizione e di indicazione
  • segnali luminosi (sostanzialmente semafori);
  • segnalazioni di agenti del traffico.
  • segnali orizzontali, tracciati sull’asfalto e talvolta sul bordo del marciapiede.
  • Qualora vi sia contraddizioni tra i diversi messaggi trasmessi dalla segnaletica occorre ricordare che (art. 38)
  • i segnali verticali prevalgono su quelli orizzontali;
  • le segnalazioni dei semafori prevalgono sulle indicazioni dei segnali orizzontali e verticali;
  • le segnalazioni degli agenti della strada prevalgono su qualsiasi altra segnalazione.
  • SEGNALI VERTICALI DI PERICOLO
  • I segnali di pericolo sono distinguibili dalla forma triangolari con il vertice in alto. Solitamente sono posti a 150 m dal punto di inizio del pericolo per dare tempo al guidatore di rallentare la corsa e predisporsi come si conviene.
  • DOSSO: nel tratto in salita è vietato sorpassare. Sia nel tratto in salita che quello in discesa è vietato invertire la marcia, fermarsi o sostare. Occorre inoltre tenersi il più vicino possibile al margine destro della carreggiata.
  • STRADA DEFORMATA: Moderare la velocità per non danneggiare il veicolo e per avere il tempo di prevenire eventuali sbandamenti di chi prevenga in senso contrario.
  • SEMAFORO CON LANTERNE VERTICALI: Rallentare per potersi fermare se occorre.
  • ATTRAVERSAMENTO PEDONALE: Rallentare per essere pronti a dare la precedenza ai pedoni; non sorpassare veicoli che si siano fermati per far passare i pedoni; non parcheggiare né fermarsi sulle strisce pedonali.
  • CIRCOLAZIONE ROTATORIA: moderare la velocità.
  • SEGNALI DI PRECEDENZA
  • FERMARSI E DARE LA PRECEDENZA: Arrestarsi all’incrocio anche se questo appare libero; controllare e ripartire solo dopo aver data la precedenza ai veicoli che giungono da destra e da sinistra.
  • DARE LA PRECEDENZA: Moderare la velocità e all’occorrenza fermarsi. Se posto accanto a un semaforo il segnale ha valore quando il semaforo non è in funzione.
  • INTERSEZIONE CON PRECEDENZA A DESTRA: procedere con cautela e dare regolarmente la precedenza a destra.
  • SEGNALI DI DIVIETO
  • DIVIETO DI TRANSITO
  • SENSO VIETATO
  • DIVIETO DI SORPASSO
  • DIVIETO DI SOSTA: in assenza di indicazione integrativa ha valore:
  • 24 ore su strade extraurbane;
  • dalle 8 alle 20 su strade urbane.
  • SEGNALI DI OBBLIGO
  • SENSO UNICO PARALLELO: obbligo a percorrere la strada secondo il verso della freccia.
  • ROTATORIA
  • PERCORSO PEDONALE
  • FINE PERCORSO PEDONALE
  • La matematica è la disciplina dei codici per eccellenza che abbiamo approfondito con la professoressa Assunta Cambio.
  • 1
  • 2
  • 0
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • +
  • -
  • =
  • @
  • ±
  • µ
  • La comunicazione è essenzialmente uno scambio di simili su tutto ciò che lo riguarda.
  • Quindi la comunicazione può essere concepita come “campo interattivo” in cui il mittente e il destinatario esercitano necessariamente scambi fra loro attraverso la parola scritta e/o parlata, gesti e le nuove apparecchiature tecnologiche informazioni che è alla base della vita umana, infatti l’uomo ha bisogno di comunicare con i suoi. Quest’ ultime rappresentano il canale tra i due elementi che scambiandosi messaggi contenenti referenti (nucleo centrale del messaggio) diffondono un codice cioè un insieme di segni convenzionali.
  • Inviando questi messaggi si crea tra il mittente ed il destinatario una sorta di meccanismo di “ritorno” che si definisce “feed-back”.
  • Quest’ultimo agevola un concreto ed eloquente sistema di comunicazione detto “a due vie”.
  • Il campo comunicativo può essere sincronico (la comunicazione avviene in contemporanea) o asincrono quando avviene in differita.
  • La comunicazione è costituita da due diversi tipi di linguaggio:
  • verbale, che ne rappresenta l’aspetto razionale ed è formato dalle
  • strutture della lingua e non verbale, linguaggio emotivo costituito
  • da gesti, sguardi ecc…
  • Perché la comunicazione possa svilupparsi e diffondersi è necessario che l’emittente ed il destinatario assumano comportamenti adeguati basati sul rispetto reciproco.
  • La necessità di comunicare, che caratterizza l’uomo si manifesta con una molteplicità di segni che gli studiosi hanno analizzato e descritto con estrema precisione.
  • Lo spazio. La maggiore o minore vicinanza al nostro interlocutore è segno del rapporto, di fondamentale importanza è anche lo spazio personale, cioè “il territorio” di ciascun individuo: ognuno di noi ha bisogno di circondarsi di uno spazio fisico che solo pochissimi possono violare.
  •  Il paralinguaggio. Si definisce paralinguaggio l’insieme dei suoni prodotti dalla voce umana ad accompagnamento delle parole
  •  Il corpo. Il corpo è il primo strumento di comunicazione.
  •  I gesti. I gesti accompagnano il linguaggio parlato, e, utilizzati da soli, hanno comunque una serie di significati, che sono diversi presso i popoli.
  • L’aspetto. L’abito che indossiamo, la pettinatura, gli ornamenti possono essere considerati un’espansione del nostro corpo: attraverso l’aspetto si dichiara anche l’appartenenza a un gruppo.
  •  Lo sguardo e le espressioni facciali. Lo sguardo comunica emozioni e stati d’animo.
  • Tutti i segni che abbiamo fin qui esaminato costituiscono il linguaggio non verbale: esso contribuisce a determinare una comunicazione efficace quando è in accordo con il linguaggio verbale.
  • Il linguaggio è il codice più potente e più complesso, i segni di questo codice sono le parole, e il complesso delle parole di una lingua si definisce lessico.
  • Le parole si combinano secondo una serie di regole.
  • La lingua è il codice più potente perché è in grado di dire tutto quello che vogliamo e può avere molti scopi.
  • Le funzioni fondamentali sono baste su uno degli elementi della comunicazione:
  • La funzione referenziale (o informativa) è incentrata su referente, per dare informazioni e notizie.
  • La funzione espressiva (o emotiva) descrive lo stato d’animo dell’emittente.
  • La funzione persuasiva (o conativa) mira a persuadere il destinatario.
  • La funzione fatica (o di contatto) ha lo scopo di mantenere il canale della conversazione.
  • La funzione poetica è focalizzata sulla forma del messaggio.
  • La funzione metalinguistica è focalizzata sul codice.
  • Si definisce funzione l’uso della lingua rivolto ad un determinato scopo.
  • “Chi sa muoversi da una funzione all’altra con naturalezza può considerarsi padrone perfetto della lingua”.
  • Il codice è un insieme di segni organizzati in un sistema secondo determinate regole.
  • Per segno si intende una manifestazione che trasmette un messaggio, un’informazione.
  • Esso si compone di due elementi:
  • SEGNO
  •  
  •  
  • SIGNIFICANTE
  • SIGNIFICATO
  •  
  •  
  • Il codice, a sua volta, si suddivide in codici verbali, costituiti dalle lingue; codici non verbali, come il linguaggio dei gesti, informatico, musicale, codice della strada e codici grafici.
  • Una prima distinzione è quella tra i segni naturali e i segni artificiali.
  • Sono definiti naturali, perché si producono spontaneamente senza alcuna intenzionalità (cielo nuvoloso, segno che arriverà la pioggia; un improvviso rossore, indica imbarazzo ecc.).
  • Invece si definiscono artificiali, perché sono stati inventati dall’uomo, (le parole di una lingua, il rosso di un semaforo ecc.). Questi segni artificiali sono strettamente collegati alla storia dell’uomo e mutano con essa.
  • Anche la storia della matematica mette in evidenza questo percorso e vogliamo presentarne un esempio: “l’evoluzione del calcolo algebrico”.
  • Noi tutti siamo abituati all’uso del simbolismo algebrico e siamo indotti a pensare che un metodo così semplice sia sempre esistito, ma in verità è proprio il contrario.
  • I primi accenni all’uso di un simbolismo algebrico si hanno nella matematica dei Babilonesi, circa nel 2000 a.C., che usavano talvolta dei termini particolari per indicare le incognite.
  • Nel 300 a.C. circa gli antichi greci svilupparono un metodo matematico detto algebra geometrica e distinguevano tra numeri e grandezze geometriche, erano quindi costretti a dimostrare in modo puramente geometrico le relazioni tra grandezze geometriche.
  • Nel secondo secolo d.C. circa Diofanto di Alessandria con la sua opera “l’Aritmetica” compie un passo avanti per la creazione di un formalismo algebrico. In questo trattato vengono risolti 130 problemi di algebra. Egli adopera un simbolismo particolare per le varie potenze delle incognite ma non è ancora in grado di operare con i segni di addizione, sottrazione, moltiplicazione ecc…
  • Nel Medioevo ci si dimenticò delle innovazioni di Diofanto essendo un periodo buio e per circa mille anni le operazioni algebriche furono descritte a parole.
  • Questo modo viene detto Algebra Retorica e un esempio è tratto dal “Trattato d’abaco” di Piero della Francesca. A partire dalla fine del quattrocento si iniziò ad introdurre nuovamente alcuni simboli per indicare le incognite e le operazioni e, grazie a Raffaele Bombelli il processo raggiunse il culmine.
  • Tra il 1540-1603 il francese François Viète adottò i segni + e – per l’addizione e la sottrazione, usò le vocali per indicare le incognite e le altre lettere dell’alfabeto per indicare i coefficienti. Egli fu il creatore del simbolismo algebrico moderno e il suo metodo venne usato da tutti i matematici. Inoltre, l’introduzione di un simbolismo algebrico adeguato è stato alla base del vertiginoso sviluppo della matematica moderna.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • concetto/informazione significati/significanti
  • significati/significanti concetto/informazione
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • L’universo dei segni è molto complesso: non a caso è nata in tempi recenti una disciplina che studia i segni, la Semiotica o Semiologia: essa si propone di analizzare, distinguere e catalogare i diversi segni.


  • Compartir con tus amigos:
1   2   3   4


La base de datos está protegida por derechos de autor ©absta.info 2019
enviar mensaje

    Página principal